The End


Sento l’anima lacerarsi. Sento che non è stata colpa mia, io non ho fatto assolutamente nulla ma tu mi hai dato tutte le pene possibili per qualcosa che non ho mai commesso. Mi ha dato la pena peggiore di tutte: quella di non poterti mai più vedere né sentire. Nessuno mai ha subito tanto. Nessuno mai potrebbe soffrire una pena peggiore. Chissà perché accade che proprio quando tu più ti avvicini poi immediatamente dopo c’è una catastrofe non verificata, vana, inventata. Allora mi torna in mente che forse è il tuo modo di difenderti da me perché non mi appartieni e hai le catene legate ad altri luoghi ed altre persone. Ma la tua bellezza ti rende narcisista ed egocentrica. Ogni uomo vorrebbe averti e tu, così come sei, rifiuti ogni uomo che vorrebbe averti ma accetti le loro attenzioni come regali fatti da un mondo plebeo alla sua regina. Ti chiamai regina per lungo tempo e non fu un caso, perché mi accorsi dei tuoi modi nobili, perché mi accorsi che vivevi in un castello fatto di regole ferree e di un trono dove eri inarrivabile mentre io sono rimasto a lavorare nelle stalle, anche se spesso con la testa sulle nuvole, a fianco alla tua. Adesso cosa ne sarà di me? Sono solo con me stesso, tu non ci sei più, sei voluta andare via e lasciarmi lungo la strada a sanguinare, strisciando con le mie sole forze. Devo rialzarmi e riprendermi il cuore che per troppo tempo mi hai tenuto tra le mani strappandomelo dal petto. Mi hai tolto l’anima perché volevo donartela e ti sei presa tutto il resto e poi hai tolto quel poco che restava di me stesso. Adesso o mi rialzo di nuovo, per l’ennesima volta, oppure muoio.

Per un po’ forse continuerò ad urlare il tuo nome a me stesso, nel cuore. Ma alla fine la ferita si cicatrizzerà.

Ciò che si fa per amore lo si fa sempre al di là del bene e del male.
— Nietzsche,  Al di là del bene e del male

I feel the torn soul. I feel that it was not my fault, I did not do anything, but you have given me all the possible penalties for something I did not commit. It gave me the worst punishment of all: that I can not ever see or hear. No one has ever suffered so much. No one ever could suffer a worse punishment. Who knows why it happens that just when you get closer you then immediately after there is a catastrophe did not occur, vain, invented. Then I remember that maybe it’s the way you defend yourself to me because you do not belong to me and you have the chains linked to other places and other people. But your beauty makes you narcissistic and self-centered. Every man would like to have you, and you, as you are, waste every man who would like to have you but accept their attentions as gifts made by a plebeian world to his queen. I called you Queen for a long time and it was no coincidence, because I became aware of your noble ways, because I saw that you lived in a castle made of strict rules and a throne where you were unreachable while I was left to work in the stables, although often with his head in the clouds, next to yours. Now what will become of me? I am alone with myself, you are not there anymore, you wanted to go away and leave me along the way to bleed, crawling with my own strength. I have to get up and get my heart that for too long have held in my hands strappandomelo chest. I took the soul because I wanted donartela and you took everything else and then you have taken away what little was left of myself. Now or I get up again, for the umpteenth time, or die.

Annunci

Occhi che hanno paura di guardare


Non ho la forza di aprire bocca quando i miei occhi incrociano i suoi e succede sempre che mentre io provo a guardarle l’anima lei volge lo sguardo verso il basso come ad indicare la direzione verso l’inferno. Cosa c’è di più intimo di uno sguardo contraccambiato? Quando forse manca il sorriso e le parole solo uno passaggio diretto tra occhi diversi diventa qualcosa di osceno e pericoloso, è il sorriso che può cambiare le regole del gioco in una circostanza come questa e poi delle parole, anche banali, stupide, che facciano ridere solo i muri. La donna capisce tutte le intenzioni solo con uno sguardo, chissà quanti ne evita ogni giorno, quanti altri ne accoglie perché sa che sono innocui che non le ruberanno l’anima e la libertà che vuole preservare soltanto ad una persona che un giorno riterrà particolare.

La forza degli incontri è nel loro misterioso linguaggio nascosto, ancora nessuno l’ha decifrato, codificato, capito. Forse sono solo battiti aumentati del cuore, ormoni che fluiscono più copiosamente nei nostri corpi, strani incontri di luce e ombre che si uniscono a formare colori che ci rendono prima felici e poi innamorati. Sì perché per innamorarsi bisogna prima essere felici, soltanto dopo possiamo innamorarci e può bastare un istante, degli occhi che non guardano più in basso perché hanno colto nei tuoi la gioia del mondo e non vedono l’ora di parteciparvi anch’essi.

Gioite di ciò che non avete perché lo potrete avere presto e gioite di ciò che avete poiché potrebbe farvi avere ciò che non avete. Ma non fatevi possedere. Quegli occhi sono meravigliosi come diamanti, ma non sono oggetti. Sono lo specchio di ciò che vorreste essere in quel momento, sono il vostro filtro con il mondo attraverso i vostri sogni, il filtro tra la realtà e i sogni sono quegli occhi di cui vi innamorate.

I have a dream


Ho sognato la rasentazione dei limiti estremi, il tripudio oltre l’esultanza, le trombe che mi acclamavano oltre il pulpito, gli applausi ad una mano che partivano da oltre il palco delle messe in scena.

Ho sognato le trombe di falloppio, la corte e l’avvocato del diavolo, il cuore in gola che non si sputava via fuori, l’oltremodo dell’oltretomba, gli Stati Uniti della Lega Nord, l’Italia Libera, Berlusconi alto e intelligente, ho sognato il rifiuto dei rifiuti senza annaspare ulteriormente, ho sognato l’aria Serena e le sue amiche, ho sognato l’aria Mite, il pulviscolo degli Dei, l’aspirapolvere degli angeli.

Ho sognato le pubenda leggendarie di Maroni, le imprese colossali di un Titano che giocava in borsa, ho sognato scippatori di blue-chips e azioni, ho sognato sniffatori di nani da giardino, innaffiatori di misericordie, bacia-mano di principesse addormentate, mani morte, ammortizzatori sociali, sommozzatori affogati, strozzini strozzati, famosi mafiosi infamati.

Ho sognato il filo conduttore delle idee a scapito, ho sognato le idee degli altri, le dee degli altri dei, le deambulanze con la sirena accesa lungo la dorsale del perso equilibrio sulla fune, ho sognato il cappio e gli accalappia cani, il lazzo e il lazzaretto dei cowboy estinti, ho sognato i miei cari e i miei meno cari prezzi, io ho sognato tutto questo.

Io ho un sogno. E il mio sogno è un sogno allucinato, fuori dalla portata dei primi e dei secondi piatti, fuori da ogni portata, oltre l’ancora, laddove osano i sognatori e coloro che frequentano le corride, i sogna tori. Io ho sognato di aver messo a segno un punto. Io punto.

E adesso vorrei che questa pagina tornasse bianca per poterci scrivere di aver di nuovo sognato.

Punto.