Un tempo si sogna di possedere il cuore della donna amata; in seguito, sentire che si possiede il cuore di una donna può bastare a farvene innamorare. Così, all’età in cui parrebbe, poiché nell’amore si cerca soprattutto un piacere soggettivo, che il gusto per la bellezza di una donna dovrebbe essere la parte più grande dell’amore, in realtà l’amore – l’amore più fisico – può nascere senza che alla base ci sia stato desiderio iniziale; a quest’epoca della vita, si è già stati feriti più volte dall’amore, che non si evolve più solo seguendo le proprie leggi ignote e fatali, davanti al nostro cuore stupefatto e passivo. Noi veniamo in suo aiuto, lo alteriamo con la memoria, con la suggestione. E riconoscendo uno dei suoi sintomi, ci ricordiamo e facciamo rinascere gli altri. Poiché possediamo la sua canzone, tutta incisa in noi, non abbiamo bisogno che una donna ce ne dica l’inizio – pieno dell’ammirazione ispirata dalla bellezza – per trovarne il seguito.

Istrice


Lampioni e portici
è andata così
piccola istrice
dagli occhi bui

Quel bacio alcolico
rossetto e guai
è stato facile
e non lo è stato mai

Chi ci ricorderà
chi ti farà ridere
per chi ti smarrirai
chi userà lo sguardo tuo
chi lo fa al posto mio
io dove sarò?

Tra il fiume e i portici
già buio alle sei
cuore selvatico
quanti anni hai
“non dirmi amore mai
ma incantami, dai
è così facile”
e non lo è stato mai

Chissà chi pungerai
chi ti farà piangere
chi ti addormenterà
chi userà lo sguardo tuo
chi lo fa al posto mio
io dove sarò?

Nella città che ha il cuore di un istrice
ti cercherò in un traffico di anime qui…

Chi ci ricorderà
chi ti farà ridere
per chi ti smarrirai
chi userà lo sguardo tuo
chi lo fa al posto mio
io dove sarò?

La ballata sul dirupo


Non voglio cadere in amore perché non voglio sentirmi precipitato, vorrei essere di tutto una parte, partecipato

Non voglio cadere in amore è come una molla che mi rimbalza altrove

tu che osi definirti felice in coppia e poi tutto scoppia, casa, dolce, casa, famiglia figli bambini lavoro torna resta

un coltello piantato nella schiena, una vasca piena di sangue, mura devastate da proiettili

fuori fori e dentro buchi

che cosa possiamo farci di questa storia?

non vedi che tutto è campato per aria, come castelli diroccati, o aerei dirottati,

false piste da seguire, magari un fiume di cocaina

con il nostro segugio che sa e ci ritrova ad ogni angolo

dove ho dimenticato di pulire

sangue lì, sangue del mio sangue

ma dove ti sta trascinando via tutta questa lucida follia

e allora urli voglio andare via

ma non sai che la colpa è del sistema

ma non sai che la colpa è del sistema

ma ti sistemo io, ti sistemo io. Te lo dissi anche quando c’incontrammo, adesso ci sistemiamo, io e te.

Lo abbiamo fatto, direttamente sistemati

adesso viviamo come terremotati e non arrivano mai i soccorsi

chiama l’ambulanza per la vita, non quella per la morte

chiamate la polizia, oddio mia zia, è sistemata pure lei

un sisma del settimo grado della scala macelli

adesso uno squarcio del cielo e uno sul mio volto e tutto andrà via

sì sì, ci siamo proprio sistemati

la lapide lungo quello sterminato fazzoletto di terra

mi vien da piangere, il fazzoletto

lacrime cadono, scivolano si poggiano.

Sistematicamente come quando la pioggia piove.

Sono caduto in amore, inciampato, caduto e morto. Arrivano i soccorsi, gli orsi, i matti, le camicie

rivestitemi

Sono caduto come la pioggia, piovo un po’ anch’io ovunque

perdo (acqua)

chiudete la falla (fall in love) non fatemi scorrere nel mare.

Lorena come un fiume


Lorena correva con la testa dritta e le mani tese in basso,

io dissi a lei di darmi una mano

Lorena mi dette una mano da tenere per mano

Un passo, due, quattro, camminavamo insieme sulla strada

Con le mani in mano, piuttosto che mano nella mano,

Volevo percorrerle i fianchi con le braccia mie

Lorena che correva più veloce

Su una strada così deturpata,  lei così precoce

Avrei voluto metterle un orecchio sulla pancia

Ascoltare che più sopra era viva

E Lorena correva e inciampava, Lorena andava e non tornava

La tenevo per mano, ma il braccio mi strappava

La pelle si spezzava mentre Lorena si buttava via

Rimase sull’erba a lungo da poterla osservare

Entrare nei suoi occhi chiusi per scoprire i sogni suoi

Di quand’era ancora viva e camminavamo mano nella mano

Lorena era andata via, mi era sfuggita di mano

Cercavo i desideri suoi che aveva sparso su quell’erba

C’era di tutto su quel prato che brillava

La sua bocca semi aperta, le labbra ancora così calde

Lorena era andata via

E mai più sarebbe tornata mia.

Con un po’ di fiato corto le dissi addio.

La sua bocca era ancora calda e rossa.

Lorena era trascorsa come un fiume,

lungo il mondo la sua vita.