Evitate ogni contagio: rifuggite dagli “sfigati”



Un virus non visto,

entra nei nostri pori senza

avvertire, diffondendosi silenziosamente.

I contaminatori possono essere riconosciuti dalla sventura
che gettano su se stessi, dal loro turbolento passato, 
dal lungo elenco di relazioni interrotte, 
dalle loro instabili carriere e dalla forza del loro carattere, 
che ci trascina via e ci fa perdere la ragione.

Quel Cassio ha un aspetto magro e famelico; pensa troppo. . . 
Non so quale uomo eviterei tanto quanto quel Cassio sparuto. . .
Gli uomini come lui non hanno mai l’animo tranquillo, finché vedono uno più grande di loro; e quindi sono molto pericolosi.

Giulio Cesare, William Shakespeare, 1564–1616.

Quegli sfortunati tra noi che sono stati trascinati in basso da circostanze al di fuori del nostro controllo, meritano tutto l’aiuto e la compassione che possiamo dare loro. Tuttavia ci sono soggetti che non sono nati per essere sfortunati e infelici ma che gettano su se stessi sfortuna e infelicità con azioni distruttive ed effetti sconvolgenti sugli altri. Ma se arrivano a noi possono cambiarci perché gli esseri umani sono estremamente suscettibili agli stati d’animo, alle emozioni e ai modi di pensare di coloro con cui passano il tempo.

Gli incurabilmente infelici e instabili hanno un potere di contagio particolarmente forte perché le loro emozioni sono intense. Prima di poter capire la vera natura dei loro problemi già siamo stati contagiati e può essere tardi. Bisogna capire che nel gioco della vita e del “potere” le persone a cui vi associate è di fondamentale importanza, sono delle presenze chiave. 
Se vi associate dunque a dei contaminatori di infelicità tutto quello che troverete è il modo di perdere molto tempo per liberarvene e attraverso un meccanismo associativo, anche voi sarete subito visti come sofferenti e portatori di disgrazie dagli altri. 
Il più pericoloso contaminatore è colui che soffre di insoddisfazione cronica e che si lamenta in continuazione: statene alla larga, per evitare il contagio l’unica soluzione è la quarantena totale del soggetto, non sperate di poterlo aiutare, non potete semplicemente farlo e verrete contagiati all’istante.

L’unica soluzione è la quarantena.

Riconoscete i fortunati cosicché potrete scegliere la loro compagnia, e gli sfortunati in modo da poterli evitare. La sventura è solitamente il peccato portato dalla follia e fra quelli che ne soffrono non c’è malattia più contagiosa.
Non aprite mai la porta all’ultima delle vostre sfortune perché, se lo farete, molte altre seguiranno la sua scia. . .
Non morite per la miseria di un altro. 

(Baltazar Gracian)

Annunci

Amazon Music Gratis


Se ti iscrivi ad Amazon Music Unlimited per tre mesi gratis riceverai anche 4.50 euro di sconto su Amazon Store! Non ti costa nulla!

https://rcm-eu.amazon-adsystem.com/e/cm?o=29&p=12&l=ez&f=ifr&linkID=18e8bd78319374bc9fc842693a625a93&t=inlovwedus-21&tracking_id=inlovwedus-21

La mascolinità ha bisogno di scopo e direzione


E’ stata l’inclinazione dell’uomo moderno a spiegare la sua mascolinità attraverso gli stretti limiti della logica e della sua stessa definizione. 
Ma la mascolinità non è qualcosa che fai o non hai. Piuttosto è una verità che stai ignorando o che non conosci in questo momento. 
Non ci sono regole o istruzioni a cui si deve aderire per diventare mascolini, la pienezza della mascolinità non può essere colta attraverso il pensiero astratto. 
La mascolinità è già dentro di noi; è la forza vitale infinita, il grande stimolante che scorre e fluisce attraverso ogni nostro desiderio e impulso. 
E se vuoi scoprire la tua mascolinità, allora devi allontanarti dalla tua mente, dal disagio dell’incertezza e entrare in comunicazione con il tuo corpo.

L’espressione primaria della sessualità di un uomo è il desiderio di libertà – la libertà dal peso della mente. È l’istinto del maschile a non sentirsi mai a suo agio nelle sue circostanze attuali; il maschio reale preferisce scagliare una rivoluzione contro il Re, salpare per il Nuovo Mondo, combattere le avversità più impossibili, il tutto con la speranza della libertà eterna, del completamento della vita, piuttosto che riposare sugli allori e restare nei limiti della sicurezza e del comfort (comfort zone). 
In effetti, l’essenza del maschile è la libertà stessa, che si eleva all’infinito oltre il conosciuto, cerca la verità e osserva il suo opposto femminile. 
Il nucleo del maschile, quindi, come scrive David Deida, è il perseguimento dello scopo che porta alla libertà.

L’aggressività, la direzione e l’assertività sono tutti tratti maschili, poiché descrivono il ruolo naturale del maschile nel raggiungere e nell’agire verso il suo desiderio.Il maschile usa la sua consapevolezza del momento presente e lo dirige verso l’apertura al femminile e al suo splendore, permettendole di rilassarsi con la sua compagnia in modo che entrambi possano gioire della presenza dell’altro. 
Il femminile, d’altra parte, è un ricettore dell’ambiente – la donna invita nella sua vita solo ciò che è attraente e gradito a lei.
Entrambi sono impegnati in una danza in cui il maschile cerca, con un equilibrio di aggressività e sensibilità, di alleggerire la donna nel suo splendore femminile – solo il femminile decide se lo inviterà o no. 
Esiste una tensione energetica tra il maschile e il femminile, perché i due sono come opposti poli magnetici, continuando ad opporsi fino a giungere ad un legame, un’unione come può essere quello del matrimonio. 
Tutte le forze della natura scorrono tra poli opposti creando energie diverse. 
Ed è questa attrazione e tensione tra le due energie che crea il terzo punto focale energetico, l’unione dei due, in un unico intero essere in cui il potere si estende oltre la dualità, oltre la pace e la guerra, l’amore e l’odio, e il bianco e nero. E’ la creazione di un nuovo essere tramite l’unione: una nuova stirpe. 
Qui nasce l’equilibrio tra caos e ordine, un’armonia tra la distruzione del vecchio e la creazione del nuovo – l’intero equilibrio della natura dipende da questa danza tra il maschile e il femminile.

Ora, questo non vuol dire che gli uomini non abbiano il femminile dentro di loro e che le donne non abbiano il maschile. Ci deve essere qualcosa di una donna in un uomo e un uomo in una donna, altrimenti i due non sarebbero in grado di relazionarsi l’un l’altro. La danza del maschile e del femminile non sta semplicemente accadendo in natura, ma anche dentro di noi. Le donne magnificano il loro lato maschile nel lavoro e per progredire nella loro carriera, mentre gli uomini usano il loro femminile per connettersi con una maggiore energia creativa. 
Tuttavia, poiché la maggior parte degli uomini ha una forte essenza maschile e la maggior parte delle donne ha un’essenza femminile, entrambi sono attratti dai loro opposti. La polarità sessuale tra i due, come scrive David Deida, crea attrazione sessualele donne femminili trovano attraenti gli uomini maschili. E così, le donne desiderano sessualmente gli uomini che si stanno affermando nel mondo e perseguono il loro scopo divino. 
Sfortunatamente, al giorno d’oggi è comune per gli uomini, indeboliti e soffocati dalle comodità e dai profitti della civiltà, dare priorità alla loro unica relazione e, a sua volta, abbandonare o negare il loro cuore e desiderio. Questo è un tradimento del nucleo vero maschile, perché gli uomini in profondità sentono un senso di missione, il desiderio di vivere pienamente il loro scopo. 
Quando un uomo trascura il nucleo principale del suo maschile, la polarità sessuale all’interno della relazione si disinnesca e affama il femminile della sua autentica presenza maschile spesso tradendolo con un’altra figura maschile.

Un uomo che assume il ruolo del femminile nella relazione nega alla sua donna la sua vera essenza e il suo dono più profondo – è scollegato dalla sua verità maschile, che è una debolezza che le donne trovano ripugnante. 
Le donne perdono l’attrazione sessuale molto più velocemente degli uomini e sono spesso le prime a iniziare la separazione. E quando una donna lascia una relazione, di solito è perché l’uomo è diventato ozioso per la cosa che l’ha attratta in primo luogo – scopo, senso dell’orientamento, ambizione o abilità.
Ora, se dovessi chiedere a ciascun uomo, come scrive David Deida, se preferirebbe una relazione perfetta e amorosa o un successo nel suo obiettivo fondamentale della vita, la maggior parte sceglierebbe quest’ultimo. 
Questo accordo tra uomini espone il senso di direzione sottostante che è presente nel maschile, perché non è il ruolo del maschile ad aprirsi all’amore; il maschile non vuole abbracciare o essere abbracciato con passione – questo è il dono del femminile. Ciò che gli uomini vogliono veramente è vivere al limite delle loro paure, creare il loro regno, sentire il rapimento strabordante del presente e il modo per raggiungere questa vita è orientarsi verso il bene superiore che corrisponde alla direzione allo scopo.

Cito le dinamiche sessuali tra uomini e donne perché questo rivela la naturale e l’evoluta richiesta degli uomini di spostarsi nel mondo e provvedere alla propria comunità. 
Naturalmente, ai nostri giorni, le donne sono anche provider (molte iniziano a mantenere i loro maschi) e molti perseguono il proprio scopo o carriera. Tuttavia, l’interconnessione tra il maschile e il femminile, il modo in cui i due si relazionano e si legano l’uno con l’altro e gli attributi che ciascuno trova attraente nell’altro rimangono ancora fermi e veri nel mondo moderno.

Un uomo maschile che è cosciente e che è attraente per l’energia femminile, sarà qualcuno che vive con un forte senso dell’orientamento interno. La rabbia che sente e la forza che possiede saranno imbrigliati in un canale divino verso uno scopo più alto.

In effetti, la realizzazione, il coraggio e così via sono tutte conseguenze del modo in cui un uomo ha usato la sua rabbia maschile e guida per l’espressione e la saggezza. La rabbia è l’emozione critica del maschile, perché la rabbia è il riflesso emotivo del desiderio naturale di un uomo di raggiungere e inseguire il nemico, il che appare ovvio quando si considera l’ambiente che i nostri antenati hanno dovuto sopportare.

Tuttavia, durante l’infanzia, i ragazzi sono puniti per aver espresso la propria rabbia nei modi più naturali per i bambini: piangere, urlare o gridare, questi sono tutti tentativi del corpo di rilasciare la tensione e guarire ciò che deve essere guarito. E così, i ragazzi non solo imparano che la loro rabbia è immorale, ma imparano anche a non fidarsi mai dell’intuizione nel loro corpo, a non nutrire mai il loro corpo quando un’emozione chiede di essere espressa.

È facile vedere le conseguenze della nostra ignoranza. Si vedono così tante facce smorzate da una vita di serrature, stringendo e sopprimendo la forza vitale abbondante e bella che la natura ha inteso solo per lo scopo dell’espressione. 
La rabbia inespressa distorce e avvelena il corpo, e più uno reprime la loro rabbia, più la psiche diventa pericolosa e rigida.Non ci sono emozioni sbagliate, e se ci fosse permesso di provare rabbia, vedremmo la bellezza di un’energia che vuole essere espressa in una direzione, in una disciplina o in una ricerca creativa. Un uomo superiore non permette mai alla sua rabbia di consumarlo inconsciamente, né lo sopprime in lui. Invece, lo sfrutta come energia e lo scarica attraverso il suo scopo. Perché è uno scopo che consente agli uomini di liberare la loro energia naturale in una direzione significativa e di contribuire al benessere della sua società. Senza scopo e responsabilità, gli uomini perdono il loro orientamento verso il loro sé supremo e chiudono il loro cuore dal mondo, per sempre per rimanere ragazzi immaturi che non lasciano mai le mura di casa.

Lo scopo funge da rito di iniziazione alla piena maturità, perché soddisfa il desiderio primordiale del maschile di andare avanti e di imporsi sul tessuto e sul paesaggio della società – di ergersi come un uomo libero, come rappresentante del potere che plasma la società .

E così, non solo impegnarsi per uno scopo favorisce l’indipendenza psicologica dai propri genitori e dai compagni rendendolo desiderabile al sesso opposto, ma fornirà anche un’ancora ulteriore al mondo reale su cui ci si può aggrappare per navigare attraverso la vita vera senza illusioni.


Nessuno era così scemo da preoccuparsi se tornavi con le ginocchia sbucciate dopo ore fuori casa
Ovviamente senza telefono.
Quando ero bambino le cicatrici davano status.
Lealtà e onore anche.
Se fra maschi ci scontravamo a pugni per la strada e un gruppo era di cinque e uno di sette.
Due si facevano da parte perché questo dava più status che vincere.
Poi sono arrivati gli status symbol che si comprano coi soldi, e quando in cinque si incontrano con sette, quelli che hanno il cellulare e l’orologio più costoso hanno vinto senza nemmeno combattere.
Così le persone hanno iniziato a vendersi lealtà e onore per uno smartphone.
Queste persone sono ormai tanto flippate e sconnesse da cosa sia lo status reale che mi vedono con l’autista assistente o con una bella ragazza e credono sia questione di soldi.
È questione di cicatrici, onore, lealtà.
Di buono c’è che non dobbiamo scannarci per ottenerli dagli altri.
Che non li stampa la banca centrale.
Che ognuno può ottenerli.
Di brutto c’è che chilo per chilo costano molto più dell’oro e che non sono pagabili a rate.
Ma tutto d’un pezzo.
Ogni maledetto giorno.

Tra donna e uomo, I


Nella donna l’amore è una potenza, una potenza generatrice, tettonica, quando l’amore si manifesta in una donna è uno dei fenomeni naturali più imponenti di cui la natura possa offrirci spettacolo, è da considerare con timore, è una potenza creatrice dello stesso tipo dei terremoti o degli sconvolgimenti climatici, è all’origine di un altro ecosistema, di un altro ambiente, di un altro universo, con il suo amore una donna crea un mondo nuovo , piccoli essere isolati gorgogliavano in un’esistenza incerta ed ecco che la donna crea le condizioni di esistenza di una coppia, di una nuova entità sociale, sentimentale e genetica, la cui vocazione è proprio quella di eliminare ogni traccia di individui preesistenti, tale nuova entità è già perfetta nella sua essenza, come aveva capito Platone, a volte si può complicare strutturandosi in famiglia, ma questo è quasi un dettaglio, contrariamente a ciò che pensava Schopenhauer, in ogni caso la donna si dedica interamente a questa missione, vi si immerge, vi si dedica come si suol dire anima e corpo, e comunque per lei non fa molta differenza, per lei la differenza tra anima e corpo è solo un cavillo maschile senza importanza.
A questo compito, che in realtà non è tale, non essendo altro che la pura manifestazione di un istinto vitale, sarebbe pronta a sacrificare senza esitazione la propria vita.

L’uomo, all’inizio, è più riservato, ammira e rispetta quel turbine emotivo senza capirlo del tutto, non gli sembra il caso di fare tante storie. Ma a poco a poco si trasforma, a poco a poco viene risucchiato dal vortice di passione e piacere scatenato dalla donna, per l’esattezza riconosce la volontà della donna, la sua volontà incondizionata e pura, e capisce che tale volontà è in sé buona, in cui il fallo, nucleo del suo essere, cambia statuto diventando altresì la condizione di possibilità di manifestazione dell’amore, dato che l’uomo non possiede altri mezzi, e questa strana alterazione fa sì che la felicità del fallo diventi uno scopo in sè per la donna, uno scopo che non tollera restrizioni. La vita senza donna diventa impossibile e a quel punto l’uomo comincia ad amare.

Perciò l’amore nell’uomo è una fine, un compimento, e non, come nella donna, un inizio, una nascita. Ecco cosa bisogna tener presente.

Sua altezza poverissima


E’ alta, bionda con gli occhi chiari. Ma è alta solo quando indossa i tacchi da 20 cm altrimenti a piedi nudi, ed ho avuto il piacere di constatarlo, è più bassa di me, forse un metro e sessanta, eppure i tacchi la trasformano in una stangona altissima con didietro che farebbe girare la testa di qualunque uomo sulla terra. Mi chiama “amore” e “tesoro”, ad uno che non conosce la storia potrebbe sembrare carino in realtà, proprio dietro la parola “tesoro” si cela un perché. Tesoro perché la riempio di quattrini ogni volta che ci vediamo eppure sembra sincera ma è sbadata, scostante, addirittura un po’ cafona. Avevo deciso di smettere di incontrare gatte morte che non sono neanche in grado di decidere che giorno è oggi anche guardando il calendario, così avevo optato alla ricerca disperata di una donna espansiva, ma non “expensive” ed invece ti ritrovi sia con l’espansione che con il portafoglio sempre più “cheap”. Maledetto inglese. Dovrebbero vietarlo nel nostro paese così come fanno i francesi anche se esagerano, ma fanno benissimo. Forse quando lo dice o lo scrive lo crede davvero. Forse anche quando lo faccio io. Probabilmente è tutto vero e semplicemente non ci sono testimoni né celebrazioni pubbliche che fannodi noi due degli imperfetti amanti per questo tempo indefinito della vita che mi scorre nella linfa della solitudine che ho appreso e che sto finendo di apprendere. Vorrei qualcuno che mi dicesse “sai scrivere davvero bene”. Ma poi ti ritrovi con delle Muse che neanche sanno leggere. E’ il Destino. Dicono che Destino significhi Carattere. Dicono che il carattere sia il tuo destino. Che razza di carattere ho? Probabilmente è di merda visto il Destino.