Eternità


Se diventiamo liberi dal passato degli altri abbiamo tutto il mondo. Solo io e te. Solo noi.

Quando ti ho visto per la prima volta ho pensato: com’è dolce quel ragazzo. Quante cose dice con gli occhi. Com’è delicato nei movimenti.

Non amo che le rose che non colsi. Non amo che le cose che potevano essere e non sono state.
La metafisica della mediocrità. La paura della felicità.

Bastava dividere il mondo in due: di là, quello che lui permetteva di sapere; di qua, i segreti. Tra poco si sarebbe alzato e avrebbe chiuso la porta tra i due mondi.

Lui aveva cominciato a dimostrarle che non esistono buone abitudini, che abituarsi a qualcosa è sempre un modo di spegnere la curiosità, cioè di bloccare la propria evoluzione, (quindi morire).

I superalcolici fanno dimenticare il presente, il caffè ti fa sentire più qui e ora e ovviamente distoglie dal passato. Lo stinge, lo intorbida… (lo macchia). Eccola, l’acqua sporca!

Lascia un Commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...