La straniera


Una donna scura, magra, snella, con i capelli lisci e scuri come gli occhi, non completamente neri, di un castano profondo e piccoli non enormi, non in grado cioè di osservare con pienezza il panorama degli spiriti e dei corpi che si potevano presentare durante la giornata e forse una certa incapacità di stabilire un ordine e un controllo nella propria vita, ma direi di più, un controllo sui propri pensieri disordinati, un certo caos interiore che cercava di riordinare attraverso il suo lavoro di badante ordinaria. L’ansia le si manifestava tutti giorni come una forma di nervosismo e di fretta.
Direi esclusivamente una forma di stress che cerca anch’esso di tenere a freno, come se, nonostante tutto volesse partire a tutti i costi, in quarta, attraverso una strada dritta per scappare via da qualcosa o peggio da qualcuno. E’ questa che è stata la mia impressione. Una vita ormai dedicata completamente, credo, più alla propria giovane figlia che al proprio più vecchio marito.
Questa è un’altra storia.

Lascia un Commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...