Fermi ma vibranti


Bisogna essere scrupolosi. Bisogna essere concentrati sulle parole che si dicono e si scrivono alla stessa stregua di come si riesce a fissare il sole al tramonto o all’alba. Altrimenti si appare evanescenti, agitati e confusi. Le persone perdono la memoria di te anche quando sei presente e provi ad urlare. Distolgono lo sguardo perché sei un mare mosso che non travolge nessuna spiaggia. Devi essere calmo e trasparente come l’acqua in un mattino d’inverno, caldo e inamovibile come le stelle fisse nella notte. Nulla deve essere sfuggente ma neanche troppo fermo. Devi essere come una corda tesa che vibra lungo le dorsali dell’infinito.

Lascia un Commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...