Untitled II


Sbarrati di fronte a queste lame

attraverso le quali le mani urlano fuori

e artiglio la terra come da un lontano ruggito

per graffiarti sulla schiena inarcata

gatta dagli occhi sempre ciechi

per questo sempre innamorata

di tanti e di nessuno mai di me

dimenticato dietro lame di nuvole

tagliano il cielo in due colori

l’uno è l’argento delle lacrime e la pioggia

l’altro è il bianco oblio di un sole lontano

mentre mi vaghi ancora così dentro

senza che mai la mia bocca dia vita al nome

e ti crei adesso qui presente come carne e pelle.

 

Lascia un Commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...