Quando tutto crolla restano i sogni a restare in piedi sulla punta delle nuvole, spaziano tra un orizzonte e un altro, vanno lontano i sogni, svaligiano i cassetti con i nostri desideri come fantasmi che ci derubano delle fantasie per portarle altrove, lungo la linea della fervida immaginazione, scavalcando le onde delle nostre maree cerebrali, dei nostri istinti intimiditi, come una chitarra elettrica ci danno la giusta scossa per smuoverci, vanno forte sulle rotaie sobbalzando nei vagoni dei treni, vagoni carichi di sogni a bidonate.

Il mondo ne è pieno, come della spazzatura di cui non si conosce più il modo di sbarazzarsene, ci vorrebbe una raccolta differenziata anche per i sogni e un disegno per realizzarli senza più doverli accatastare, lassù, nei castelli in aria. Si possono costruire dopo essere stati disegnati, con le nostre stesse mani, essere plasmati, resi vivi vederli crescere come le più delicate e importanti creature che vivono nelle nostre praterie interiori.

Lascia un Commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...