Sesso e ribellione


La vera ribellione sta nel sesso. La vera ribellione da ciò che ci comanda, se vogliamo liberarci da chi ci ha creato dobbiamo creare anche noi, se non vogliamo più provare sensi di colpa nei confronti di chi ci ha generato, se non vogliamo più sentire il peso del peccato, dobbiamo essere noi a generare delle nuove creature. Questo è valido anche dalla schiavitù indotta dalla religione, principalmente quella cattolica, cosa potevano fare Adamo ed Eva pur di liberarsi dalla schiavitù di Dio se non divenire essi stessi dei creatori? La metafora della mela non è altro che una metafora di un accoppiamento che equivaleva a ribellione e indipendenza.
La prima forma di ribellione per un adolescente nei confronti dei propri genitori è la scoperta del sesso, della masturbazione. Ma fino a quando non c’è il vero sesso si proverà il senso di colpa che potrebbe essere dilaniante.
Tutte le personalità più grandi di questo mondo solitamente sono stati anche dei grandi trasgressivi sessuali. Come dire, ci vogliono le palle è vero. Come dire, Dio esiste fino a quando non ci moltiplichiamo noi, come dire che Dio non esiste. Bisogna fottere e fottersene. Le più grandi verità delle vita, sono così maledettamente banali.
No, non credo che oltre i trentanni sia necessario continuare a credere in amici immaginari. Forse è anche per questo che le donne sono generalmente più pacate dell’uomo. Per loro la mela è molto più facile da consumare, da offrire, nel vero senso della parola, al primo sprovveduto.
Ma l’unica verità è che fino a quando saremo prigionieri di questo corpo non saremo mai liberi. Ma se non esiste un Dio, esisterà comunque qualcosa che trascenda l’uomo? Forse l’uomo stesso?

3 pensieri su “Sesso e ribellione

  1. Catecumena, ma non bacchettona e così ho letto questo tuo interessante pezzo. Ti poni delle domande e ti dai da solo risposta. Credo che Dio esista e noi siamo stati messi su questa terra da lui. Credo che il male non venga da Dio, ma sia frutto dell’eccessiva libertà che l’uomo ha a sua disposizione. Nella vita le palle ci vogliono, se no saremmo schiacciati. Ci si accosta al sesso da piccoli, è vero, con la masturbazione, di nascosta dalla mamma che cucina nella stanza accanto e poi ci si ritrova grandi e ci si chiede: è giusto? E’ un peccato, ricorrente da grandi come da piccoli. Non ho mai avuto un amico immaginario, ma ancora oggi parlo con me stessa, con la luce che è dentro di me. Frammenti di riflessioni di una piccola Luce

  2. Non è un peccato. Se non c’è un Dio non esistono peccati ma solo errori umani e il sesso non è un errore in sé per sé. Per via di molte vicende personali, ma non solo, non credo personalmente che si possa continuare a fare affidamento ad un vecchio credo popolare come scusa agli errori dell’uomo e alla sua piccolezza nei confronti della natura. Forse se c’è qualcosa di divino è la natura in se stessa. Ma la luce non possiamo che crearcela da soli. Quando ci riusciamo. Rispetto naturalmente i tuoi punti di vista.

    1. Credente e praticante da sempre, peccatrice ancora oggi, ho iniziato mesi fa un doppio cammino: di luce con il mio maestro e di fede in una comunità neo catecumenale. La mia bellissima vita è diventata magica. La luce viene da dentro di noi. In questo concordo con te. Gli errori umani rimangono errori umani anche se un Dio esiste. Ma come puoi svegliarti la mattina con un sorriso che un Dio non esiste? Luce verso sera

Lascia un Commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...