Distanti saluti


Siccome mia cara siamo lontani, ti mando questi distanti saluti, e siccome d’un attimo è stato il nostro amore ti mando baci d’istanti, fotogrammi delle mie labbra, grammi di bocca e saliva. Tutto d’istinto feroce e selvaggio come un cuore dolce e rapinato (rubato da te), ladra, puttana e cavalla di Troia, ma anche sirena che urli a squarciare le nebbie sul mare. Distinti saluti così come d’istinti viviamo nel bene e nel male, d’istinti e d’istanti. Siamo due attimi in mezzo al mare, le gocce lasciamole ai pesci. Noi affoghiamo lo stesso senza respiro, io il tuo tossico tu la mia puttana, ci rimangono le ceneri. Siamo inceneriti, come le fiammelle delle candele. Spiriamo bene.

Perché, perché questo cadere nel fango dei cimiteri dai grigi mattoni, la notte buia e costellata di corvi con la luna accesa come un lampione e un soffio di vento che smuove la polvere dai sepolcri?

Lascia un Commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...