Mi amareggia e non amoreggia, non s’ammara su sta terra ‘nfranta d’eroi decapitati e de cape toste, sotto sto mar se pescan le aragoste, arbuste, arbuste! Forte forte s’estraniava, s’annava a sinistra, d’anno in danno, come semo fiori malconci de semi incolti, figli de mignotta che cercano la pagnotta, la gnocca e la carbonara. Stamo fori, semo buchi, se fossimo folli c’infoltiremmo le ciglia e li pazzi cocci.

Lascia un Commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...