Amore all’ultimo respiro


Vado nei cimiteri per incontrare delle donne. Vado ai funerali per poter vedere delle giovani ragazze che si accorgano di me. E’ rimasto l’unico modo per poterne conoscere qualcuna: andare ai funerali. Nella piccola cittadina dove abito ci sono almeno tre funerali a settimana ed ogni volta che ne accade uno è festa grande, la gente esce fuori finalmente a respirare un po’ di aria fresca portata dalla brezza della primavera, le menti si risvegliano assieme ai fiori assopiti dal tardo inverno gelato, i cuori si scaldano, il sangue ricomincia a scorrere nelle vene e riporta in vita coloro che si erano trincerati all’interno dei loro angoli arredati all’Ikea. Nessuno esce più di casa senza un funerale. Ogni giorno è festa anche sui Social Network: ogni divo morto all’improvviso è un modo perfetto per comunicare, per rompere il ghiaccio, per “ammazzarsi” dalle risate leggendo la loro vita su Wikipedia.
Io esco solo ai funerali. Sono rimasto solo e sono quasi ai quaranta. Indosso la mia giacca di pelle nera e i miei occhiali scuri, mi guardo allo specchio: “Che fico!”. Sono pronto. Devo recarmi alla Chiesa, lanciare sguardi dolci alle ragazze che si affrettano già a mettersi in fila, come delle modelle, per il corteo funebre. Le guardo tutte. cerco quella più interessante o eccitante. E’ difficile poter scegliere, davvero difficile.

Annunci

2 Comments

Lascia un Commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...